Sospettato di fuga

Li voglio tutti a portata di mano, facilmente accessibili,
I materiali della disperazione: alcol, sigarette e
Telecontrollo per aggiunger canali e diminuire
Il colore, tanto che il futuro è diventato
Una macchia policroma e scura.
Sprofondato così sul divano della disperazione,
Smarrito nel fumo, nell’alcol e
Nello schermo nero, mi pare più facile
Recedere, abbandonare la mia immagine
Senza che nessuno s’accorga che sono uscito da me stesso,
Che me ne sono andato lasciando lì il bicchiere pieno
E le sigarette, insieme al mio corpo e alla televisione accesa,
Senza neppure salutarvi, senza dire nemmeno
«Arrivederci», «ne riparleremo».

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 233 follower

Statistiche

  • 76,423 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: