Una ragazza svizzera

Alla cena tutti
tenevano tra le mani
un bicchiere di champagne o di vino bianco.Tutti in fila, quegli omoni si avvicinavano
per stringermi la mano e salutarmi.
Qualcuno veniva per ascoltare le mie esperienze,
come ero uscita viva dalla tana dei trogloditi.
Qualcuno veniva per avere il mio autografo,
qualcuno per guardarmi con occhi pieni di ammirazione,
qualcuno per baciarmi, qualcuno per offrirmi dei fiori.In mezzo a tutto questo
si avvicinò una ragazza coi capelli d’oro.
Non tese la mano.
Non voleva ascoltare le mie tristi storie,
disse che era venuta
solo per piangere un po’ con me.
Ed io sentii che tutto il Bramhaputra
si stava sollevando nei miei occhi, erodendo
l’argine del mio cuore.

 

Io dell’oriente,
e lei, dell’occidente,
avevamo pene della stessa profondità.
Io ero scura, e lei rosa pallido,
ma i nostri dolori erano dello stesso blu.
Prima di piangere non avemmo bisogno
di sentire le nostre esperienze.
Le conoscevamo fin troppo bene.

(Traduzione: Raffaella Marzano)
Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 517 follower

Statistiche

  • 82,446 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: