Témoignage

un giorno
ho spinto le porte
dell’alba
e mi sono seduto
sotto una veranda
di fronte al mare caraibico
con per unica compagna
una piccola sedia di paglia
che inganno a intervalli
che inganno a volte
le sere di acquazzoni violenti
quando i lampi
hanno cessato il loro dialogo
con una sedia a dondolo
di paglia e le stelle aspre
di un rum di canna

e là
di fronte al mare
i nostri conciliaboli muti
aspettano ogni volta
di ritornare all’infanzia
del suo vagabondaggio
all’adolescenza anche
delle sue utopie che tardano ad estinguersi

un giorno
ho spinto le porte dell’alba
da allora vedo il mondo
attraverso i suoi raggi
pallidi d’ombra e blu di notte
senza le effusioni
delle mie ferite

quel giorno
di fronte al mare caraibico
ho sognato
di una poesia

che da nessuna parte comincia
o allora dall’infanzia
e da nessuna parte finisce

jacmel, 13/07/2006

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 233 follower

Statistiche

  • 78,457 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: