LA NIÑA DE GUATEMALA

 

Voglio all’ombra di un’ala

raccontare un racconto in fiore.

La giovanetta del Guatemala,

quella che morì per amore.

 

C’erano corone di  gigli

e cuscini di fior di reseda

e gelsomini… La seppellimmo

in una cassa foderata di seta.

 

Lei gli aveva regalato

un cuscinetto profumato.

Lui ritornò già sposato

e lei morì per amore.

 

Trasportano la sua cassa

vescovi e ambasciatori

e il popolo segue in massa

con le mani piene di fiori

 

Lei per poterlo vedere

salì fino al belvedere

lui ritornò con la sposa

e lei morì per amore.

 

Come bronzo incandescente

fu quel bacio dell’addio

su quella  fronte, la fronte

che amavo di più io.

 

Di sera entrò dentro il fiume

e la tolse già morta il dottore

Dicono che è morta di freddo

ma io so che morì per amore.

 

Lì nella cripta gelata

la misero sopra due panche.

Baciai la sua mano affilata,

baciai le sue scarpine bianche.

 

Stavo là zitto e al tramonto

mi chiamò il seppellitore.

Io non ho visto mai più

colei che è morta per amore.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 233 follower

Statistiche

  • 79,917 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: