La migrazione delle stelle

Sento l’angoscia del tempo nel mio animo. 
Il mio essere portato via nella vertigine delle sue radici, 
Si spopola dei sogni all’urto dei venti 
Portatori di foglie morte 
Che trascinano la memoria delle origini. 
Ho seguito la parola sacra
Fino agli ultimi versanti della speranza, 
Ed ho invano cercato rifugio 
Dove nulla è al riparo dagli dei. 
Smarrito nei lampi dell’uragano 
E confuso nei gemiti delle nuvole, 
Io ripeto incessantemente le reminiscenze 
Di popoli dimenticati all’ombra delle civilizzazioni. 
I miei sogni sono bruciati in un turbinio di fuoco. 
Gli slogan dei martiri di tutte le rivoluzioni 
Si aggiungono ai singhiozzi dei morti nella mia voce, 
Come si incastrano nella pietra 
I mormorii delle cascate. 
Il cammino dell’infanzia si è insabbiato sotto i miei passi, 
E i miei propositi infranti di fronte al destino, 
Si sono impolverati! 
E andando, o ombre solitarie, verso l’infinito 
Come le stelle che migrano nel cielo, 
Un fiume di lacrime accompagna 
Le mie preghiere sotto le rovine. 

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 233 follower

Statistiche

  • 79,784 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: