you're reading...
2013, disastri, disgrazia, india, povertà

Bangladesh: far finta di essere umani

Se le foto degli indumenti con l’inconfondibile targhetta verde potevano lasciare spazio a perplessità, ora non ci sono più dubbi: la Benetton si riforniva dagli stabilimenti del Rana Plaza crollato pochi giorni fa a Dacca, capitale del Bangladesh. Un ordine completo e dettagliato, risalente a settembre 2012, è stato pubblicato dal sito abitipuliti.org. Guardando alle unità segnate nell’ordine in questione (più di 70.000 pezzi) non si trattava di un ordine dalle piccole dimensioni. Eppure l’azienda, pochi giorni fa, aveva smentito con un comunicato ufficiale qualsiasi coinvolgimento: “…i laboratori coinvolti nel palazzo di Dacca non collaborano in alcun modo con i marchi del gruppo Benetton”. 

Il crollo della struttura del Rana Plaza ha ucciso quasi 400 persone e più di un migliaio sono rimaste ferite. Nelle ore precedenti alla tragedia del 24 aprile, i lavoratori avevano notato delle crepe nella struttura,  ma, come hanno dichiarato i testimoni, i capi addetti alla produzione hanno comunque fatto entrare i lavoratori, assicurando che non sarebbe accaduto nulla. Secondo le testimonianze, lo stesso Sohel Rana, proprietario della struttura, avrebbe tranquillizzato gli operai. Ora si trova in stato di arresto dopo aver tentato la fuga dal paese. Oltre alle sue responsabilità, pesa il ruolo delle multinazionali presenti a Dacca. Con un fatturato che si aggira attorno ai 20 milioni di dollari, grandi marchi del settore tessile come Wal-Mart,Gap e H&M, sfruttano la manodopera più economica sul mercato.

Meno di 40 dollari al mese, circa 30 euro, è il salario medio di un operaio tessile bangladese. Una catena di complicità, cementata dalla corruzione e dalla disperazione di uno dei paesi più poveri al mondo, condanna la popolazione a non poter godere delle garanzie basilari sul luogo di lavoro: lo scorso novembre, sempre a Dacca, un incendio ha distrutto una fabbrica della Tazreen Fashion, uccidendo più di cento persone. Anche quello stabilimento riforniva compagnie internazionali, incluse IKEA e Carrefour. Già prima della tragedia di Tazreen, un memorandum compilato dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori e da associazioni come Clean Clothes Campaign, è stato sottoposto all’attenzione dei grandi marchi dell’industria per richiedere un adeguamento delle condizioni lavorative all’interno degli stabilimenti, consapevoli che l’unico modo per poter sviluppare un miglioramento dipendesse dalla collaborazione tra “companies”, proprietari locali e autorità.

Tutti i marchi citati riservano un posto d’eccezione nella loro filosofia aziendale alla produzione “sostenibile”, ma i fatti sono ben distanti da qualsiasi dichiarazione d’intenti. Il memorandum non è stato firmato da nessuna azienda, scaricando così tutti gli obblighi in materia di sicurezza sui responsabili locali e partecipando in minima parte alle politiche di controllo: le grandi compagnie hanno potuto così risparmiare almeno mezzo milione di dollari l’anno. Stando alle ultime dichiarazioni, Benetton ha ammesso di aver fatto un solo ed unico ordine nello stabilimento della New Wave Stylish Ltd, ma questa improvvisa presa di coscienza necessiterà di indagini più approfondite.

L’economia del Bangladesh, nonostante i passi in avanti degli ultimi anni, vive sotto il ricatto delle industrie straniere che delocalizzano e sfruttano la manodopera a basso costo. La vita politica è strettamente legata a quote di partecipazione nelle aziende, sbarrando di fatto la possibilità di un percorso comune di cambiamento. Come ha dichiarato Brad Adams, direttore della sezione Asia per Human Rights Watch, fino a quando il governo bangladese non applicherà delle misure serie per sanzionare chi non permette condizioni di lavoro adeguate, si continuerà a pagare con la perdita di vite umane.

(fonti: RYOT, Associated Press, Guardian, Human Rights Watch)

Annunci

Informazioni su antonio blunda

Nato ad Erice (Tp). Avvocato. Forse poeta, forse scrittore. A causa di questa malattia congenita chiamata poesia, ho iniziato a scrivere in tenera età, per curarmi. La cura è ancora in corso. Segnalazione di merito al 26° Premio Internazionale di Poesia Inedita 2001 indetto dall’A.S.L.A. ( Associazione Siciliana per le Lettere e le Arti); 6° classificato al Premio Nazionale Letterario “Cicatrici Aperte” 2001, indetto dalle riviste letterarie “La Masnada” e “Prospektiva”; 1° classificato al I Premio Nazionale di Poesia Inedita “2 G” 2002, edito dal Gruppo Giovani “2 G” di Barcellona Pozzo di Gotto (Me); Segnalazione di Merito per la sezione poesia inedita al Premio “G. Palumbo” 2002 edito dal Comune di Ficarazzi (Pa); 4° pari merito al Primo Premio Nazionale di poesia inedita “Città di Fondi” 2002 edito dall’ A.N.G.A.E. ( Associazione Nazionale Giovani Artisti Emergenti) di Fondi (Lt); Selezionato per la “Enciclopedia dei poeti italiani emergenti” 2002-2003 edito dall’ Aletti Editore; Segnalazione particolare per il Premio Internazionale di Poesia “Montagna viva” edizione 2002, edito dalla Comunità Montana Valtellina di Morbegno ; Segnalazione di Merito per la sezione narrativa al Premio “G. Palumbo” 2004 edito dal Comune di Ficarazzi (Pa); Selezionato “Autore del mese” per il mese di Febbraio 2004 al concorso mensile promosso dal sito letterario ilfiloonline.it; 1° classificato al Premio letterario “Premio per la pace” 2004 promosso dal Centro Studi Cultura e Società di Torino; Autore prescelto per la regione Sicilia per la “Enciclopedia regionale dei poeti emergenti”edito dall’Aletti Editore; Finalista per la sezione narrativa al Premio Nazionale Telethon 2004; Segnalazione di merito al Premio di Poesia “Giacomo Giardina” 4° edizione (2005)– Assessorato alla Cultura del Comune di Bagheria; 1°classificato al Premio Letterario “Giulio Palumbo” – Sezione Narrativa - 4° Edizione 2005 – Comune di Ficarazzi (Pa) Finalista al Premio Letterario “Calicantus” 2006, sezione poesia inedita a tema religioso; 3° classificato al Premio Letterario “Mons. Galbiati IV Edizione – sezione poesia inedita - Carugo(Co); Menzione di merito al Premio Letterario “Rametto d’argento” 2007 – Sezione silloge inedita – Paceco (Tp); Diploma di merito al Premio Letterario “ Parole ed immagini” - XVII edizione 2007 - Comune di Boves; Premio speciale della critica alla decima edizione 2008 del Premio “Groane98” – sezione poesia inedita - Garbagnate Milanese (Mi); Finalista al concorso NarrAzioni-Sezione Scrittori 2008 indetto da "Emergenza Creativa” (www.emergenzacreativa.com); Segnalazione di merito alla 2° Edizione del Premio “Colonne d’Eroma” 2008 - S. Flavia (Pa) - sezione podio; Autore prescelto per l’Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei - 2009, edita da Aletti Editore; Autore prescelto per la “Agenda degli artisti 2010” (concorso indetto da “Estro-Verso Community italiana Autori, Artisti ed Editori www.estro-verso.org; Finalista per la sezione “aforismi” nel concorso indetto dal sito www.pensieriparole.it ; Finalista al 1° Premio Internazionale di Poesia Letteratura e Pittura utenti di Facebook; Finalista al Premio “Arenella” sezione Poesia inedita, indetto dall’Ass. culturale “Palermo Cult – pensiero” 2010; Autore italiano presente sulla rivista letteraria americana "Californian Quarterly" vol. 36 n.2; Autore italiano presente sulla rivista letteraria americana "Californian Quarterly" vol. 36 n.4; Finalista al Premio "Valenzine" 2011 ( www.scripta-volant.org); Autore prescelto al Premio "Extroversi 2011" - Palermo; Attestato d'onore al premio "Vivarium - Omaggio a Giovanni Paolo II"- 2011 ; Diploma di merito alla XXI Edizione del Premio "Parole e immagini" - Mella na di Boves 2011; Segnalazione di Merito alla VI Edizione del Premio "Ut unum sint" - Ecumenical World Patriarchate 2011; Presente su diversi siti internet ed antologie letterarie;

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 233 follower

Statistiche

  • 80,599 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: