you're reading...
Blunda, Pensieri, Riflessione

Evitiamo la morte a piccole dosi

Un giovane cantante rap di 30 anni, in arte “Er Gitano” si è tolto la vita. In uno dei suoi testi. “Sangue e piombo” si legge:

” Per ogni notte fuori, è ogni lacrima,
la strada è come il diavolo, te ruba l’anima,
la verità è che c’ho el core spaccato a metà
e se non c’ho pietà è perché el mondo non c’è n’ha”!

Questa non è che una piccola goccia, una voce che se ne va, e che dà nel suo piccolo quell’indice di “sgradimento” vitale di cui tutti ( e ciascuno a suo modo, non necessariamente fino al gesto estremo) siamo ormai portatori nella società.
Ciascuno, per sè stesso, ormai non si vede più come parte del tutto, come soggetto attivo di una comunità che lo individua, rappresenta, che dovrebbe addirittura tutelarlo, ma diversamente vive in modo passivo, tanto che qualcuno non riesce altro a trovare quale via d’uscita da questo empasse che il suicidio.
La nostra società è malata.
Una malattia ormai giunta ad uno stadio cronico, e dalla quale soltanto in pochi riescono tuttora ad esserne immuni o a lottare con i propri personali anticorpi dell’amore.
Nessuno riversa più amore per gli altri, dunque, nessuno ha motivo di ritrovarne su di sè. Si vive con l’ambizione di arricchire, che per molti è equivalente a “migliorare”.
Si vive senza guardare più in faccia nessuno, senza aiutare nessuno, pensando soltanto a sè stessi ed alle proprie aspirazioni, e semplicemente sulla base di quel principio cinico “nessuno pensa a me”, semplicemente dimenticando che prima di tutto, noi stessi, non lo stiamo facendo proprio per nessuno.
Dovremmo essere noi stessi ad iniziare. Ad esempio, le nostre città sono piene dei senzatetto. Chi se ne accorge? A chi importa se l’altro forse non sopravviverà, se vuole dirci qualcosa.
L’ inutile formalità e la diffidenza, costruite così abilmente in secoli di “raffinata civiltà” ormai ci impediscono di comunicare proprio nell’era in cui la comunicazione è globale.
Un paradosso terribile, a cui siamo giunti soltanto per nostra colpa.
Dovremmo fermarci, e capire che ci sono momenti in cui, per andare avanti, non occorre più fare non uno, ma dieci passi indietro. Perchè “VIVERE” è ben altro.
Perchè come disse Neruda “essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.”
(Antonio Blunda)

Annunci

Informazioni su antonio blunda

Nato ad Erice (Tp). Avvocato. Forse poeta, forse scrittore. A causa di questa malattia congenita chiamata poesia, ho iniziato a scrivere in tenera età, per curarmi. La cura è ancora in corso. Segnalazione di merito al 26° Premio Internazionale di Poesia Inedita 2001 indetto dall’A.S.L.A. ( Associazione Siciliana per le Lettere e le Arti); 6° classificato al Premio Nazionale Letterario “Cicatrici Aperte” 2001, indetto dalle riviste letterarie “La Masnada” e “Prospektiva”; 1° classificato al I Premio Nazionale di Poesia Inedita “2 G” 2002, edito dal Gruppo Giovani “2 G” di Barcellona Pozzo di Gotto (Me); Segnalazione di Merito per la sezione poesia inedita al Premio “G. Palumbo” 2002 edito dal Comune di Ficarazzi (Pa); 4° pari merito al Primo Premio Nazionale di poesia inedita “Città di Fondi” 2002 edito dall’ A.N.G.A.E. ( Associazione Nazionale Giovani Artisti Emergenti) di Fondi (Lt); Selezionato per la “Enciclopedia dei poeti italiani emergenti” 2002-2003 edito dall’ Aletti Editore; Segnalazione particolare per il Premio Internazionale di Poesia “Montagna viva” edizione 2002, edito dalla Comunità Montana Valtellina di Morbegno ; Segnalazione di Merito per la sezione narrativa al Premio “G. Palumbo” 2004 edito dal Comune di Ficarazzi (Pa); Selezionato “Autore del mese” per il mese di Febbraio 2004 al concorso mensile promosso dal sito letterario ilfiloonline.it; 1° classificato al Premio letterario “Premio per la pace” 2004 promosso dal Centro Studi Cultura e Società di Torino; Autore prescelto per la regione Sicilia per la “Enciclopedia regionale dei poeti emergenti”edito dall’Aletti Editore; Finalista per la sezione narrativa al Premio Nazionale Telethon 2004; Segnalazione di merito al Premio di Poesia “Giacomo Giardina” 4° edizione (2005)– Assessorato alla Cultura del Comune di Bagheria; 1°classificato al Premio Letterario “Giulio Palumbo” – Sezione Narrativa - 4° Edizione 2005 – Comune di Ficarazzi (Pa) Finalista al Premio Letterario “Calicantus” 2006, sezione poesia inedita a tema religioso; 3° classificato al Premio Letterario “Mons. Galbiati IV Edizione – sezione poesia inedita - Carugo(Co); Menzione di merito al Premio Letterario “Rametto d’argento” 2007 – Sezione silloge inedita – Paceco (Tp); Diploma di merito al Premio Letterario “ Parole ed immagini” - XVII edizione 2007 - Comune di Boves; Premio speciale della critica alla decima edizione 2008 del Premio “Groane98” – sezione poesia inedita - Garbagnate Milanese (Mi); Finalista al concorso NarrAzioni-Sezione Scrittori 2008 indetto da "Emergenza Creativa” (www.emergenzacreativa.com); Segnalazione di merito alla 2° Edizione del Premio “Colonne d’Eroma” 2008 - S. Flavia (Pa) - sezione podio; Autore prescelto per l’Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei - 2009, edita da Aletti Editore; Autore prescelto per la “Agenda degli artisti 2010” (concorso indetto da “Estro-Verso Community italiana Autori, Artisti ed Editori www.estro-verso.org; Finalista per la sezione “aforismi” nel concorso indetto dal sito www.pensieriparole.it ; Finalista al 1° Premio Internazionale di Poesia Letteratura e Pittura utenti di Facebook; Finalista al Premio “Arenella” sezione Poesia inedita, indetto dall’Ass. culturale “Palermo Cult – pensiero” 2010; Autore italiano presente sulla rivista letteraria americana "Californian Quarterly" vol. 36 n.2; Autore italiano presente sulla rivista letteraria americana "Californian Quarterly" vol. 36 n.4; Finalista al Premio "Valenzine" 2011 ( www.scripta-volant.org); Autore prescelto al Premio "Extroversi 2011" - Palermo; Attestato d'onore al premio "Vivarium - Omaggio a Giovanni Paolo II"- 2011 ; Diploma di merito alla XXI Edizione del Premio "Parole e immagini" - Mella na di Boves 2011; Segnalazione di Merito alla VI Edizione del Premio "Ut unum sint" - Ecumenical World Patriarchate 2011; Presente su diversi siti internet ed antologie letterarie;

Discussione

Un pensiero su “Evitiamo la morte a piccole dosi

  1. QUESTA NON E’ CHE UNA PICCOLA GOCCIA, UNA VOCE CHE SE NE VA E CHE DA NEL SUO PICCOLO…………………..QUESTA NON E’ UNA PICCOLA GOCCIA……….. QUESTA E’ UNA GOCCIA CHE INGROSSA COPIOSAMENTE GENERANDO L’OCEANO. PERCHE’ MAI LEI CERCA, PENSA E SCRIVE DI UN’ARTISTA CHE NON CONOSCE? DOVREBBE, DEONTOLOGICAMENTE , AVER “MANGIATO” LA SUA MUSICA, CONOSCIUTO IL SUO “INTENDIMENTO”E NECESSARIAMENTE ASSORBITO LA SUA “FILOSOFIA”. SI’… RIBADISCO LA SUA FILOSOFIA….A MIO AVVISO SI PUO’ PARLARE DI NUOVA ERA, DI NEOREALISMO DI STRADA, DI RAP PASOLINIANO, CON LA DIFFERENZA CHE CHI “CANTA” QUESTE GESTA NON E’ OSSERVATORE MA REGISTA DI SE STESSO. NON SONO D’ACCORDO CON LEI E IN PIENEZZA LE ASSICURO CHE ER GITANO NON CANTAVA LA SUA SOLITUDINE, NON ERA DISTACCATO DALLA REALTA’, NON ERA UN SOGGETTO PASSIVO. NE TANTO MENO UN INDIVIDUO ISOLATO MA IL RISULTATO DI UN’ESISTENZA CHE LO AVEVA INDOTTO AD UNA LETTURA “CRUDA” DELLA REALTA’. QUELLA REALTA’ CHE LUI VIVEVA IN PRIMO PIANO……….. …LA STRADA CHE E’ COME ER DIAVOLO!!!!!! CHI NON LA FREQUENTA E STA CHIUSO, RIPARATO DENTRO LE QUATTRO MURA DI CASA O E’ SOLO OSSERVATORE PASSIVO NON SI RENDE CONTO DI QUANTA SOFFERENZA, INADEGUATEZZA ALBERGHINO IN UNA “GIUNGLA D’ASFALTO”!!! LE CONSIGLIO DI VEDERE IL REPORTAGE SU MTV STORIE VERE TORBELLAMONACA ER GITANO COSI’ SI RENDERA’ CONTO PERSONALMENTE CHE L’ARTISTA NON PARLA DI UNA SOLITUDINE ESCLUSIVAMENTE PERSONALE MA FA UN’INDAGINE SOCIALE DELL’ESISTENZA. QUESTI SONO “I RAGAZZI DI VITA” DI NUOVA GENERAZIONE I QUALI NON SONO STATI COSI’ “FORTUNATI” DA POTER DORMIRE COMODAMENTE IN LENZUOLA PROFUMATE!!! NELLA SOCIETA’ OGNUNO RAPPRESENTA SE STESSO, NEL BENE O NEL MALE, MA CIO’ NON SIGNIFICA ABBANDONO DEL CRITERIO VITALE E DELLA PARTE UNIVERSALE MIRKO, QUESTO E’ IL SUO VERO NOME,NON AFFERMAVA MAI “NESSUNO PENSA A ME”…….. LA VERITA’ E’ CHE C’HO ER CORE SPACCATO A META’ MA FORTEMENTE RIBADIVA CHE LA PIETA’ NON E’ DA REGALARE A NESSUNO. SE C’E’ UN MEDICO INADATTO CHE PROVOCA UN ABORTO A TUA MOGLIE DURANTE UNA VISITA AL PRONTO SOCCORSO (QUESTO E’ SUCCESSO REALMENTE) PER INCURIA, NEGLIGENZA QUESTI VA DENUNCIATO…………… LA PIETA’ E’ UN SENTIMENTO NON E’ “ABUSO” PER CHI SI PERMETTE DI SBAGLIARE ANCORA E ANCORA……….SE POI TI MUORE UNA FIGLIA A SEI MESI DI GRAVIDANZA E LA STRINGI A TE, LA TOCCHI,LA BACI NIENTE AL MONDO TI FA PIU’ PAURA!!!!!!!! QUESTI SONO ALCUNI TEMI DELLE SUE CANZONI, LE SUE POESIE MODERNE MA E’ VITA VERA!!!!!!!!!!!!!!!!!!! INOLTRE IN LUI NON ESISTEVA “NESSUNA AMBIZIONE” ERA RICCO DI FRATELLANZA, AMORE VERSO CHI MERITAVA ONORE E RISPETTO,AIUTO VERSO I PIU’ DEBOLI E CATTIVERIA VERSO GLI IGNOBILI.QUESTO INSEGNA LA STRADA…CHI SOFFRE IL DOLORE LO CONOSCE BENE E NON FA SCUDO MA RICCHEZZA INTERIORE.PROBABILMENTE LEI HA PRESO SPUNTO DA UNA NOTIZIA CHE NON E’ VERA NOTIZIA;MOLTE FANDONIE SONO STATE DETTE,FIUMI D’INCHIOSTRO SPRECATI SU NARRAZIONI DI UNA VITA NON CONOSCIUTA.DI MIRKO PUO’ PARLARE CHI L’HA RESPIRATO,CHI CI HA RISO E PIANTO INSIEME,CHI L’HA CONOSCIUTO,CHI L’HA AMATO!LA SUA “LEGGE PERSONALE”,COME DICE COELHO,E’ LA SUA MUSICA;FACEVA IL RAP PER CANTARE LA VITA,PER RENDERE PARTECIPE CHI E’ ORMAI CIECO PER GRIDARE CHE LE REALTA’ SONO TANTE E L’INTENTO DI SOTTERRARLE,PER NON AVERNE PAURA E’ UN BLANDO ANESTETICO.QUESTE VERITA’ ESISTONO VANNO DENUNCIATE,SONO IL RISULTATO DI UN MALESSERE CHE NASCE DALL’INCOMUNICABILIITA’ SOCIALE,DIVISIONI VOLUTAMENTE CERCATE PER FACILITARE QUEL POTERE MARCIO CHE VIBRA DI IGNOMINIA.MIRKO HA AVUTO TANTO CORAGGIO NEL VIVERE,UN GUERRIERO DELLA VITA,A MIO MODESTO PARERE QUANDO SI E’ RESO CONTO CHE NON SI PUO’ SCIVOLARE NEL SOPRAVVIVERE,HA FATTO QUEL GESTO ESTREMO
    HA LASCIATO 3 FIGLI PICCOLI AI QUALI IO RACCONTERO’ TUTTO IL SUO AMORE,TUTTA LA SUA ILARITA’,QUEL SORRISO INDIMENTICABILE,QUELLE BRACCIA FORTI(CHE HANNO LAVORATO 14 ORE ININTERROTTAMENTE),QUEL SOGNO DELLA MUSICA,CANTASTORIE DI REALTA’ VISSUTA,UN UOMO AFFIDABILE,IL FIGLIO CHE AVREI VOLUTO AVERE………..E HO AVUTO!!!
    SUA MADRE
    DISTINTI SALUTI
    MARIA PARISI
    ROMA 13/06/2012

    Pubblicato da parisi silvia | 13 giugno 2012, 12:48

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

Amici che passano

Inserisci la tua mail per seguire questo blog

Segui assieme ad altri 517 follower

Statistiche

  • 83,166 visitatori

Musica

Avviso

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: